logo superabile
superabile logo
 
napoli
   
 Rampe e Scale 
   
 Decreto del Presidente della Repubblica - 24/07/1996 n. 503  
 "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." 
   
 Si veda in particolare: [ art. 7 ] 
   
 Art. 7. Scale e rampe 
 

1. Per le scale e le rampe valgono le norme contenute ai punti 4.1.10., 4.1.11. e 8.1.10., 8.1.11. del decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, n. 236. I percorsi che superano i 6 metri di larghezza devono essere, di norma, attrezzati anche con corrimano centrale.

 
   
 Decreto Ministeriale - Ministero dei Lavori Pubblici 14/06/1989 n. 236 
 

"Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche.".

 
   
 Si veda in particolare: [ art. 4.1.10 e art 4.1.11]  
   
 4.1.10 Scale 
 

Le scale devono presentare un andamento regolare ed omogeneo per tutto il loro sviluppo. Ove questo non risulti possibile è necessario mediare ogni variazione del loro andamento per mezzo di ripiani di adeguate dimensioni. Per ogni rampa di scale i gradini devono avere la stessa alzata e pedata. Le rampe devono contenere possibilmente lo stesso numero di gradini, caratterizzati da un corretto rapporto tra alzata e pedata.

 
 Le porte con apertura verso la scala devono avere uno spazio antistante di adeguata profondità. 
 

I gradini delle scale devono avere una pedata antisdrucciolevole a pianta preferibilmente rettangolare e con un profilo preferibilmente continuo a spigoli arrotondati.

 
 

Le scale devono essere dotate di parapetto atto a costituire difesa verso il vuoto e di corrimano. I corrimano devono essere di facile prendibilità e realizzati con materiale resistente e non tagliente.

 
 Le scale comuni e quelle degli edifici aperti al pubblico devono avere i seguenti ulteriori requisiti:  
 

1) la larghezza delle rampe e dei pianerottoli deve permettere il passaggio contemporaneo di due persone ed il passaggio orizzontale di una barella con una inclinazione massima del 15% lungo l'asse longitudinale;

 
 

2) la lunghezza delle rampe deve essere contenuta; in caso contrario si deve interporre un ripiano in grado di arrestare la caduta di un corpo umano;

 
 

3) il corrimano deve essere installato su entrambi i lati;

 
 

4) in caso di utenza prevalente di bambini si deve prevedere un secondo corrimano ad altezza proporzionata;

 
 

5) è preferibile una illuminazione naturale laterale. Si deve dotare la scala di una illuminazione artificiale, anche essa laterale, con comando individuabile al buio e disposto su ogni pianerottolo.

 
 

6) Le rampe di scale devono essere facilmente percepibili, anche per i non vedenti.

 
   
 (Per le specifiche vedi 8.1.10 ). 
   
 4.1.11 Rampe  
 

La pendenza di una rampa va definita in rapporto alla capacità di una persona su sedia a ruote di superarla e di percorrerla senza affaticamento anche in relazione alla lunghezza della stessa. Si devono interporre ripiani orizzontali di riposo per rampe particolarmente lunghe. Valgono in generale per le rampe accorgimenti analoghi a quelli definiti per le scale.

 
 (Per le specifiche vedi 8.1.10 e 8.1.11). 
   
 
< Prec.   Pros. >
░░ Home ░░ privacy ░░ info ░░ Sitemap ░░ Credits ░░ Contattaci ░░
 
© 2018 SuperAbile Onlus - Codice Fiscale: 95099480634